image10

I PENSIERI DIVENTANO MATERIA
I TUOI PENSIERI SONO IL TUO DESTINO

E’ una Legge, è la LEGGE DI ATTRAZIONE.
Gli Illuminati i Saggi ma anche i Sacerdoti Egizi e babilonesi, tutti i grandi personaggi delle antiche civiltà ma anche risalendo a Pitagora, a Platone ed ancora alla massoneria, a Spiriti evoluti quali Gesù il Cristo oppure Buddha e senza andare oltre per non correre il rischio di dimenticarne qualcuno. Se rileggiamo le loro parole, i loro scritti, vediamo inequivocabilmente che ci dicono tutti la stessa cosa, ci hanno regalato tutti lo stesso Dono, LA LEGGE.

Questo sapere nel tempo è andato perduto, dimenticato, ma grazie ad alcuni grandi personaggi quali Wallace Delois Wattles, William Walzer Atkinson, Napoleon Hill ecc. verso la metà dell’800’è stato ritrovato.

Abbiamo Tutti un potere enorme, un potere infinito, siamo creature fantastiche ed abbiamo una parte…Divina.

Siamo al contempo Figli e parte della Divinità , dell’ Energia, della Fonte, della Matrix o, se preferiamo, di Dio.
Una specifica per non correre rischi di essere fraintesi, la Legge NON è una religione, non si accomuna a nessuna religione , è semplicemente una delle Leggi che governa questo pianeta e non solo. Consapevolmente o inconsapevolmente la applichiamo tutti i giorni, 24 ore su 24 in TUTTI i momenti della nostra vita perché questa Legge postula: ATTIRIAMO A NOI TUTTO QUELLO SU CUI POGGIAMO IL NOSTRO FOCUS.

Cosa significa? Significa esattamente quello che dice, ogni momento della nostra vita noi pensiamo e, tutti questi pensieri, sono una calamita che attraggono l’ equivalente. Se noi pensiamo cose o situazioni negative attiriamo situazioni di questo genere, se pensiamo e ci focalizziamo su cose belle e positive la nostra vita sarà ricca di situazioni di questo genere, belle e positive, incontreremo persone che ci aiuteranno a raggiungere i nostri obiettivi, le nostre relazioni saranno ottime come la nostra vita sentimentale, questo perché SE ABBIAMO PENSIERI DI QUALITA’ AVREMO UNA VITA DI QUALITA’.

Viviamo in un ombra di ignoranza, oscurità e false credenze che ci sono state impartite da prima della nostra nascita ed in altre vite precedenti, credenze che ci limitano e ci bloccano sempre sullo stesso standard, cercando di limitarci, credenze che comunque, per evoluzione, in questa o in un’altra vita, devono essere messe in discussione, eliminate e sostituite con altre credenze non più limitanti ma potenzianti, quando questo accade possiamo dire di aver iniziato…il Viaggio e, se siete qui oggi, è segno evidente che avete iniziato il vostro Viaggio quindi…benvenuti Viaggiatori.

cosa sei diventato è quello che hai pensato (Buddha)

PREMESSA

La Legge, come dicevamo in precedenza, dice che attiriamo a noi tutto quello su cui poggia il nostro focus, ma come è possibile? Per iniziare non si tratta di un dogma ma, semplicemente, dell’ applicazione alle varie menti umane dei principi della nuova fisica, la fisica quantistica. Tutte le scoperte e gli esperimenti fatti da questa branca della fisica, sono poi stati studiati applicati e capiti nella nostra vita, nella nostra mente e, con il tempo, nel nostro Cuore.

Noi siamo il frutto dei nostri pensieri, intendendo, con questo, che tutto quello che siamo oggi è il frutto dei nostri pensieri, delle nostre azioni e delle nostre esperienze passate ma, la bella notizia, è che domani saremo il frutto o il risultato di quello che siamo oggi, non di quello che facciamo ma di quello che siamo. Non dobbiamo fare una cosa ma dobbiamo ESSERE quella cosa, dobbiamo sentirci quella cosa. Questo avviene quando ci siamo liberati di tutte le esperienze e credenze limitanti e ci riappropriamo della nostra vera essenza, della nostra potenza e, allora, acquistiamo quella fiducia, quella Fede che, diceva una persona straordinaria, può spostare le montagne.

COME FUNZIONA LA LEGGE

Semplificando, l’ Energia attrae Energia simile.
Il pensiero è¦Energia, il pensiero ha una sua frequenza ed una sua vibrazione. Noi possiamo misurare un pensiero, possiamo mantenerlo costante e, quindi, creare una abitudine, una vision e, la nostra parte inconscia, quella che non sa distinguere la realtà  da una fantasia vissuta nitidamente ed emozionalmente, non riconosce la differenza e farà di tutto per far manifestare, nella tua realtà, l’ oggetto che stai visualizzando come già tuo. I tuoi pensieri sono trasmessi all’ Universo in modo costante, quindi la macchina nuova, il tuo lavoro ottimale o qualsiasi altra cosa , se in quel momento provi sensazioni ed emozioni forti, stai attraendo quell’ oggetto a te e, più forte sarà la tua FEDE in questo e prima arriverà. Questo perchè la mente inconscia, pur essendo potentissima è stupida. Non è in grado di percepire la differenza tra la realtà ed una fantasia vividamente immaginata. Per capire questo, tuttavia, cerchiamo di capire come funziona la nostra anzi le nostre menti. Prendiamo in esame i 2 emisferi più conosciuti, quello sinistro(razionale o conscio) e quello destro(irrazionale o subconscio).

MENTE CONSCIA

La mente conscia o razionale è situata nell’ emisfero sinistro, la sede della nostra parte razionale, quella deputata ad organizzare, tenere i conti, ragionare, in poche parole vivere il quotidiano. E’la parte meno potente, gestisce mediamente 2.000 byte al sec.

MENTE INCONSCIA

La mente inconscia o irrazionale è la parte più potente, gestisce mediamente 40 GByte di dati al sec. (40 miliardi di dati). E’ la sede di tutte le nostre esperienze ed emozioni, una banca dati potentissima dove sono catalogate archiviate e gestite, tutte le nostre esperienze emozionali di tutta la nostra vita ed, a volte, rimane anche traccia di quelle prima di ogni nascita.

ATTENZIONE

Vero che la mente conscia è infinitamente meno potente di quella inconscia ma è utilissima, in quanto è la sentinella situata all’ ingresso della mente inconscia. Ricordate quando dicevamo che la mente inconscia è potentissima ma stupida? Bene, se la mente conscia è brava ad immaginare una situazione, coinvolgendo tutti i sensi ed arricchendo il tutto con forti emozioni, allora la mente inconscia crederà che la cosa in oggetto è vostra ed anche se non lo è farà del tutto per manifestarla nella vostra vita. In pratica come il nanetto che comanda il gigante, il nanetto è la mente razionale, il gigante quella irrazionale. Il nanetto è piccolo ma governa il gigante potente e stupido.

 

VIBRAZIONI

Dicevamo che il pensiero trasmette energia e ha una frequenza ed una vibrazione, cosa intendiamo per vibrazioni e perché sono importanti? Tutti noi irradiamo costantemente energia e, questa, è caratterizzata dal nostro stato emozionale del momento, questo, ovviamente, è diverso anche più volte in pochi minuti in quanto varia a seconda delle situazioni che ci accadono e di come le interpretiamo, in base alle nostre credenze dovute alle nostre esperienze. Questa Energia emotiva possiamo chiamarla Vibrazione. Queste vibrazioni possono essere positive o negative in base, appunto, al nostro stato emozionale. Per fare un esempio, ti sarà  capitato certamente che con alcune persone ti senti subito bene ed a tuo agio in loro presenza, anche se le conosci da poco mentre con altre ti senti sempre leggermente nervoso in ansia o, comunque, non a tuo agio anche se le conosci da molto tempo. Dipende dal tipo di Vibrazione che emettono. Noi percepiamo sempre queste Vibrazioni, fa parte delle nostre possibilità, non occorre avere poteri paranormali, le percepiamo e punto. Le cause che portano ad irradiare queste Vibrazioni sia negative che positive per lo più sono:

Vibrazioni Positive – sono generate da sentimenti positivi:

  • Amore
  • Abbondanza
  • Confort
  • Fiducia
  • Gioia
  • Eccitazione
  • Sesso
  • Affetto

Vibrazioni Negative – sono generate da sentimenti negativi:

  • Paura (la madre di tutte le negatività )
  • mancanza
  • delusione
  • tristezza
  • delusione
  • solitudine
  • stress
  • rancori

Vibrazioni e Legge Di Attrazione

Cosa hanno in comune? Quello che dicevamo prima, l’ Energia attrae Energia simile. Questo significa che:
se una persona sta emanando delle vibrazioni positive attirerà a se cose positive,
se sta emettendo vibrazioni negative attrarrà , al contrario, cose negative.
Sei un magnete vivente, atttrai ciò che vuoi, ciò che sei. Stessa cosa per i posti, ti è mai capitato di passare in un posto e sentirti a tuo agio oppure, al contrario, di sentirti teso o in tensione, sotto stress? Dipende semplicemente da cosa è successo in quei luoghi. Se in quel posto è successo un evento negativo, l’ ambiente si sarà caricato di Energia negativa, se al contrario è accaduto un evento positivo, l’ ambiente si sarà caricato di Energia positiva. Noi, semplicemente, quando entriamo in quell’ ambiente, sentiamo se la presenza di Energia è negativa o positiva ed, il nostro stato d’ animo Vibra, in relazione, e ci fa sentire tesi oppure rilassati ed in uno stato di beatitudine, questa fà la Vibrazione.

Ricorda,attrai nella tua vita qualsiasi cosa a cui tu presti
attenzione,energia e concentrazione,sia che tu lo voglia che tu non lo voglia.

Michael J. Losier
Tutto ciò che espandiamo ha una sua frequenza ed una sua Vibrazione, non trasmettiamo percepiamo e ci confrontiamo vibrando all’ unisono come un diapason. Buona cosa, quindi, frequentare posti e persone che emanano Vibrazioni che ci fanno star bene, ci aiutano, ci migliorano, ci fortificano, ci rendono più potenti ed evitare le altre, è la Vibrazione, è la vita, è tutto qua.
La Legge dell’ Attrazione si basa sul principio che, come abbiamo già  detto, qualsiasi cosa su cui ti focalizzi (persona, evento, problema..) lo attrai nella tua vita.
Per chi non ha mai sentito parlare della Legge può sembrare assurdo, oppure complicata se ne hai già sentito parlare ma non sei riuscito a mettere in pratica.
Facciamo un esempio che puoi verificare nella quotidianità: ti è mai successo che pensi ad una persona e questa ti telefona? non vuoi fare tardi e fai tardi? pensi ai tuoi debiti e te ne arrivano altri? desideri un oggetto e qualcuno te lo regala?

in tutti questi casi la Legge dell’ Attrazione è in azione. So che magari stai dicendo: “E’ un caso!” , inizia il cambiamento nel tuo modo di pensare “Il caso non esiste”, le coincidenze non esistono, esistono le sincronicità  ma sono un’altra cosa in un altro contesto.
Ripeto che I pensieri sono energia, quindi quando formuli un pensiero ne attrai un altro di simile, e poi un altro ancora ed ancora. Ovviamente questo è buono se stai formulando pensieri di abbondanza, salute, gioia ma, se formuli pensieri negativi, questo non è affatto buono. Quando formuli un pensiero, in realtà  già lo visualizzi all’interno della tua mente e, questo, gli da ancora più forza e lo spinge verso la sua manifestazione nella nostra realtà.

Da questo primo approccio con la legge dell’ Attrazione possiamo dire che:
– con i tuoi pensieri , associati ad un’ emozione, attrai le situazioni che ora stai vivendo nella tua vita
– la visualizzazione nella tua mente è fondamentale nella realizzazione di ciò che effettivamente vuoi
–E’ necessario avere degli obiettivi ben chiari per sapere in quale direzione si vuole andare

 

COME USARE LA LEGGE DI ATTRAZIONE

Poichè la Legge dell’Attrazione afferma che il pensiero su cui focalizzi di più la tua attenzione , attira nella tua vita ciò che desideri, sembra di immediata realizzazione. Persone hanno provato ad applicarlo e sono rimaste deluse perché non è cambiato nulla oppure hanno ottenuto in minima parte quello che volevano. Questo perché molti sono i fattori che intervengono nel far avverare la Legge dell’ Attrazione.

1) Dobbiamo chiarire bene cosa vogliamo, imparando a definire in maniera corretta i nostri obiettivi. (ICEBERG). Se non abbiamo ben chiaro dove vogliamo arrivare, come faremo a sapere che strada dovremo prendere? Inoltre è necessario essere precisi, non si può essere generici in questa nostra richiesta (la richiesta “voglio avere più denaro”, non produrrà alcun risultato). Devi sapere cosa vuoi e non cosa non vuoi!

2) Immagina quello che vuoi già nei dettagli, e vivilo come se fosse oggi. La parte subconscia della mente non percepisce se quello che sta vedendo è realtà o immaginazione, per cui ti farà vivere una serie di emozioni positive, come se tu avessi già ottenuto quello che desideri. Queste emozioni ti porteranno verso la direzione per avere nella tua vita ciò che vuoi. (solitamente facciamo il contrario, quando pensi a qualcosa che hai vissuto di doloroso, riprovi immediatamente tutte le stesse sensazioni come se fosse oggi, perchè invece non usi lo stesso meccanismo pensando a ciò che vuoi e provandone quindi gioia?)

3) Cambia le tue credenze limitanti: se desideri qualcosa ma, la parte intima di te non crede che tu lo meriti, non lo riceverai comunque. Inizia a lavorare sulle credenze limitanti che hai di te stesso. Queste ti sono state inserite quando ancora eri bambino e la mente conscia non aveva dei filtri per cercare di proteggerti, per cui qualsiasi cosa dicevano su di te, la prendevi come vera. E’ ancora oggi così? Quelle che erano le opinioni delle persone, sono diventate le tue? Se vuoi , ora le puoi modificare, dipende tutto da te.

4) Credici: devi avere piena fiducia che quello che vuoi si avvera. Non parlarne con chi non condivide le tue idee, perchè potrebbero solo sabotare il lavoro che stai facendo su te stesso, solamente per un fattore di invidia. Se loro non hanno raggiunto i loro obiettivi, perchè devono dire anche a te di non farlo?

5) Non trovare giustificazioni: spesso quando non riusciamo a fare qualcosa, la nostra mente è subito pronta a trovare mille giustificazioni, soprattutto dando la colpa agli altri. Ma tu sai che hai la piena responsabilità della tua vita!

6) Agisci! Oltre a focalizzare costantemente i tuoi pensieri su quello che vuoi ottenere, devi anche agire. La legge dell’attrazione farà in modo che sulla tua strada arrivino persone o eventi che ti permettano di avvicinarti al tuo obiettivo, ma tu devi sempre essere pronto ad agire e cogliere le opportunità.

 

CREDENZE LIMITANTI

Come già detto sono le credenze che ci limitano e provengono dalle nostre esperienze. Il danno grosso già accade nei primi anni della nostra vita, consideriamo che fino agli otto anni non abbiamo quella che viene chiamata “mente critica” quindi, qualsiasi frase o affermazione che sentiamo, anche distrattamente da un adulto, soprattutto se lo classifichiamo come importante, tipo genitori, maestri, catechisti ecc. entrano senza filtri nel nostro subconscio e ci modellano la personalità. Se sentiamo frasi tipo: a scuola va bene ma la matematica proprio non la capisce, oppure: è svelto ma molto timido, il risultato ottenuto è che il subconscio ci renderà una frana in matematica e degli introversi nelle relazioni, con tutte le casistiche che conosciamo. Faremo sempre gran fatica a comprendere i numeri e saremo un casino nelle relazioni di tutte le tipologie. La buona notizia? POSSIAMO CAMBIARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lo possiamo fare in qualsiasi momento, è importante aver deciso consapevolmente che siamo stanchi di non capire i numeri e stanchi di avere rapporti pessimi con l’altro sesso, con gli amici ecc. ma dobbiamo volerlo ed iniziare a mettere in campo delle strategie nuove, a cercare delle conoscenze tecniche nuove, a cambiare i nostri atteggiamenti e le nostre credenze, a stravolgere la nostra vita ma sapendo che, tutto questo, ci porterà un miglioramento e noi siamo pronti per questo miglioramento ed è esattamente a questo punto che inizia “il Viaggio”.
Cosa dobbiamo fare, quindi, prima di pensare e visualizzare i nostri desideri, la vita dei nostri sogni? Dobbiamo cambiare e sostituire le nostre credenze limitanti con altrettanti potenzianti.
Solo a questo punto siamo pronti per:

DEFINIRE UN OBIETTIVO – Un obiettivo deve essere definito in modo:

  1. POSITIVO
  2. MISURABILE/CONCRETO
  3. RAGGIUNGIBILE
  4. LIMITE DI TEMPO
  5. RESPONSABILE/DIPENDERE DA ME
  6. ECOLOGICO/COERENTE
  7. HO LE RISORSE
  8. SOSTENIBILE
  9. POSITIVO

 

Un obiettivo deve essere formulato in modo positivo in quanto, così facendo, aiutiamo il nostro cervello a focalizzarsi su ciò che vogliamo e non su ciò che NON vogliamo. Se lo formuliamo in modo negativo non otterremo nulla, anzi forse il contrario, in quanto il nostro cervello non elabora e non concepisce le negazioni. Dobbiamo quindi decidere in che direzione vogliamo andare, cosa desideriamo veramente e porcelo in modo positivo. Non diciamo, quindi, “non voglio più fare questo lavoro ma devo dirmi quello che voglio quindi: io voglio…¦ oppure io posso…

 

MISURABILE/CONCRETO

Gli obiettivi devono essere misurabili. Devono esserci dei chiari riferimenti e possibilità che ci indicano di aver raggiunto il nostro obiettivo. Se per esempio ci diciamo “voglio diventare una persona migliore non è molto misurabile perchè cosa vuol dire essere una persona migliore? Potrei quindi dire: voglio passare 4 ore al giorno con i miei figli, portare due volte al mese dei fiori a mia moglie e così via, se secondo me essere una persona migliore significa fare queste cose. Renderlo misurabile corrisponde, quindi, a porsi un traguardo da raggiungere. Quindi deve anche essere concreto, più concreto è più facilmente è raggiungibile e misurabile, in quanto i risultati sono, appunto, misurabili. Sempre ad esempio se diciamo: voglio dimagrire, ottimo proposito masempre¦generico. Allora potremmo dire io voglio raggiungere il peso di…, oppure andare sui metodi quindi, ad esempio, “voglio andare in palestra 3 volte a settimana, mangiare pasta integrale 2 volte a settimana, eliminare carne e pesce, mangiare verdura 2 volte al giorno e bere 2 litri di acqua al giorno, questo è concreto e misurabile. Altro esempio: “voglio un lavoro nuovo o migliore, anche questo non è un obiettivo concreto e misurabile, potremmo invece dire: “voglio fare la guardia di vigilanza. potremmo anche, mentre lo visualizziamo, riempirlo di contenuti riguardo l’orario di lavoro,lo stipendio, quanti giorni ecc. ecc.

 

RAGGIUNGIBILE

Deve essere un obiettivo raggiungibile quindi possibile, anche nelle nostre capacità. Migliora la possibilità  se sappiamo che qualcuno è già riuscito quindi, questo, lo rende ancora più possibile. Ad esempio, Nel 1952 Roger Bannister corse il Miglio (1600 metri c.a.) sotto i 4 minuti.
Prima di questo questo risultato, l’impresa era considerata impossibile per le capacità umane. La settimana dopo 2 atleti migliorarono il suo risultato, nella stagione successiva 28 atleti fecero meglio e nei 3 anni successivi il record di Bannister venne battuto da oltre 300 atleti. Tutti avevano capito che era possibile.

LIMITE DI TEMPO

Un obiettivo deve avere un limite di tempo, altrimenti rimane troppo vago e non definito, devo darmi un tempo, un limite di tempo per il suo raggiungimento, in questo modo il mio cervello si focalizzerà  e si attiverà  per trovare risorse e strategie per poterlo manifestare, entro il tempo stabilito. Possiamo anche rivedere il nostro obiettivo ogni tanto, facendo dei ritocchi e controllare a che punto siamo. Potrebbe anche essere che abbiamo definito un obiettivo troppo alto per le nostre capacità/risorse o anche per le nostre credenze limitanti quindi, potrebbe essere utile, frammentare l’obiettivo in più step, che rendono più tranquille le nostre credenze.

 

RESPONSABILITA

Dobbiamo raggiungere i nostri obiettivi con le nostre forze e capacità, anche migliorarle se serve, dobbiamo essere i responsabili del raggiungimento dell’obiettivo e, questo, non deve intendere altre persone. Se ad esempio formulo: “voglio sposare sabrina ferilli”, questo non è un obiettivo formulato in maniera corretta, in quanto coinvolge il libero arbitrio di un’altra persona. Oltre questo, non dipende solo da me e dalle mie capacità. Deve quindi essere sotto il nostro controllo in quanto, se così non fosse e dipendesse anche da altre persone, andremmo contro il libero arbitrio di queste e non si può, il libero arbitrio E’ INTOCCABILE ED INVIOLABILE, neanche il Divino si permette di farlo.

 

ECOLOGICO/COERENTE

Un obiettivo deve essere ecologico, nel senso non deve andare contro i propri valori, non deve recare danni ad esempio di salute. Possiamo chiederci cosa cambierà  nella nostra vita al momento del raggiungimento di questo obiettivo, oppure cosa cambierà  nella vita dei nostri cari, sia nel breve che nel medio e nel lungo periodo. Dobbiamo chiederci se vale la pena raggiungere questo obiettivo. Se ad esempio ho l’obiettivo di essere imprenditore e, per ottenere questo, devo trascurare la famiglia e, questa, per me ha grande importanza, non sarà ecologico e coerente, in quanto stride con il mio ideale di rapporti e di famiglia, a cui do molto valore, andrà contro i miei ideali. Se ad esempio dico di voler dimagrire e, per ottenere questo, decido di mangiare sola frutta, questo potrebbe portare delle carenze e quindi dei danni sulla mia salute e provocarmi dei danni. Un obiettivo non va contro i miei valori e non deve danneggiarmi. Molto importante è anche scrivere i nostri obiettivi in quanto, scrivendoli, prendiamo un impegno con noi stessi oltre a mettere in modo dei circuiti neuronali ed a formarne di nuovi, utili per creare nuovi sinapsi, nuovi metodi e pensieri ed idee, utili per ottenere quello che vogliamo e ci impegneremo per raggiungerlo. In ultimo è fondamentale la disciplina, la costanza e la perseveranza‚è importante non mollare mai. Forse ci saranno dei rifiuti, dei momenti di sconforto, momenti bui e sensazioni di non farcela, è in quei momenti che stiamo forgiando il nostro carattere, stiamo preparandoci per superare il livello, stiamo superando lo standard ed innalziamo i nostri livelli, andiamo avanti sempre con la nostra vision, con il nostro obiettivo, con la consapevolezza che nulla potrà  fermarci e che, se nella nostra mente sappiamo di potercela fare, allora ce l’abbiamo già fatta.
Walt Disney ebbe 302 rifiuti di finanziamento per il suo sogno di creare un parco divertimenti prima che una banca decidesse di darglielo. Ce la fece, non si arrese MAI e mantenne sempre fissa la sua vision, non mollò mai e mai pensò di cedere. Il risultato? i suoi parchi sono oggi famosissimi e frequentatissimi. Al figlio una volta, durante una intervista, venne detto fosse stato un peccato che il padre sia morto prima di aver visto concluso il suo sogno e non aver mai, quindi, visto il primo parco realizzato. La risposta fù bellissima, raccontò che suo papà  aveva “visto” realizzato il suo desiderio, lui lo aveva visto con la mente e con il Cuore ed aveva ben chiaro l’immagine del suo parco. Fantastico.

 

RISORSE/CAPACITA’

I soldi, il tempo, la conoscenza, le strategie, le cose, tutto questo è il bagaglio che occorre per raggiungere il nostro obiettivo. Se ad esempio definiamo un obiettivo di lavoro, possiamo vedere quello che ci occorre per realizzarlo quindi le tecniche, le strategie, le informazioni, i contatti ecc. utili per il raggiungimento del nostro obiettivo. Laddove pensiamo che qualcosa di queste risorse manchi, allora possiamo attivarci per raggiungere prima quello che manca e, subito dopo, puntare dritti sull’obiettivo.

SOSTENIBILE

L’biettivo deve essere sostenibile, nel senso deve, nel tempo, poter essere mantenuto. Quindi non deve intaccare i nostri valori, non deve darci delle criticità e non deve darne ad altri. Se così non fosse l’obiettivo sarebbe difficile da raggiungere e, qualora ci riuscissimo, lo perderemmo o ci pentiremmo anche nel breve termine. Se ad esempio volessimo una casa al mare, siamo veramente disposti a lavorare di più ed a risparmiare maggiormente per questo desiderio? Siamo disposti a fare qualche vacanza organizzata per “sfruttare questa casa? Siamo disposti ad occuparci di questa casa anche nei piccoli lavori? Siamo disposti a perdere del tempo libero per occuparci di questa casa? Siamo disposti a pagare più tasse? Se qualcosa di queste cose non ci piacesse, l’obiettivo non sarebbe sostenibile nel tempo anzi diventerebbe un fastidio.

——————————————————————————————————————-
GLI OBIETTIVI SONO LA QUALITA’ DELLA NOSTRA VITA, MANTENIAMOLI ALTI.
ALTA QUALITA’DEGLI OBIETTIVI – ALTA QUALITA’DELLA VITA
——————————————————————————————————————-

 

DOVE NON FUNZIONA

La Legge è applicabile SOLO nelle nostre aree della vita ma, assolutamente, non deve interferire nelle altre persone. NESSUNO neanche il Divino influenza MAI il libero arbitrio degli altri, quindi è fondamentale ricordare che:
La Legge non funziona con le altre persone (es. non posso usarla per far innamorare Claudia di me, o per far diventare Gianni mio amico, o per farmi dare un aumento dal mio direttore ecc.)
Oltre questo, per essere attivata la Legge ha bisogno di essere “vissuta, noi non dobbiamo sentirci come se dovessimo raggiungere il nostro obiettivo, noi siamo il nostro obiettivo, è già nostro, non ne siamo convinti, ne siamo “assolutamente certi e dobbiamo SEMPRE sentirci COME SE. Come se già avessimo raggiunto e lo stessimo vivendo, ci comportiamo come se fosse già  nostro, viviamo e sentiamo le sensazioni, le emozioni, è già nostro. Forse il libro ed il film di Ronda Byrne The Secret, ha un po’ troppo semplificato la teoria della Legge, rendendola tipo: se dichiaro quello che voglio e poi per qualche minuto al giorno dedico un po’ di attenzione e la ricordo, divento tutto quello che voglio. Diventerai un deficiente più di quello che sei ora. Questa semplicità serve solo ad alimentare false speranze e tante delusioni, fino a mollare tutto dichiarando che la cosa non funziona. In realtà la Legge dell’Attrazione funziona sempre, anche quando sembra che non funzioni. Per questo anche, quando “molliamo”, in quanto pensiamo non funzioni, stiamo applicando la Legge, infatti stiamo raccogliendo poco per quel poco che abbiamo seminato. L’Universo ci invierà soltanto quei desideri a cui abbiamo dedicato tempo, intensità, Emozioni, frequenze, vibrazioni a cui abbiamo dedicato Amore. Manteniamo sempre vivo il nostro desiderio, nella mente e nel Cuore, manteniamo sempre alta la nostra vision dell’obiettivo, viviamo nell’obiettivo, sentiamoci nell’obiettivo, viviamo “COME SE”, l’Universo ama l’azione, la tenacia, la perseveranza, la disciplina, l’Amore e la passione per quello che facciamo e che vogliamo. L’Universo, inoltre, non risponde mai alle nostre richieste in modo diretto, se ad es. il nostro desiderio fosse di guadagnare 1 milione di euro in 1 anno, non pensiamo che prima dello scadere dell’anno arrivi un deficiente come noi e ci porti un assegno da 1 milione di euro, mentre noi siamo stati comodamente seduti sul divano tutto l’anno ad aspettare che arrivi questo deficiente. E’ più facile che arrivi l’ufficiale giudiziario e ci porti via il divano. L’Universo, invece, lavorerà con te e per te mettendoti dandoti situazioni e persone funzionali al raggiungimento del tuo obiettivo ma, tu, devi alzare il culo e compiere della azioni. Dobbiamo essere vigili per cogliere i segni e muoversi in quella direzione compiendo azioni. Ma la cosa che mi fa letteralmente impazzire della Legge è che noi chiediamo il desiderio all’Universo, alla Divinità ma, secondo la regola che recita: SIAMO TUTTI UNO,

A CHI STO’ INVIANDO LA RICHIESTA?????????????????
ACCELLERATORI DEI RISULTATI

Se vogliamo che la Legge funzioni, abbiamo alcune regole da accettare, capire e metabolizzare senza le quali la Legge non può funzionare o, al limite, potrebbe funzionare ma molto lentamente.
Sono 3 gli acceleratori dei risultati:

  • FEDE
  • PERDONO
  • GRATITUDINE

 

FEDE

Riprendiamo, per capire meglio, dei fantastici versi:

Avvicinatevi all’orlo, disse.
Non possiamo,abbiamo paura.
Avvicinatevi all’orlo.
Non possiamo, cadremo giù
Avvicinatevi all’orlo.
Si avvicinarono, lui li spinse e…volarono.

Guillaume Apollinaire

Fantastico, questi versi sono l’essenza della Fede, sono versi che spiegano, senza bisogno di spiegazioni, la Fede. E’ solo quando CREDI ciecamente in qualcosa, quando CREDI come non ha mai creduto, quando sai per certo che una cosa è possibile, quando pensi come non hai mai pensato che rendi libera la POSSIBILITA’ di ricevere quello che vuoi, quando senti l’entusiasmo, l’ebbrezza, la forza, la potenza, senti la chimica del tuo corpo, senti i brividi e capisci le cose della storia dei tempi, di tutti i tempi, capisci e sai che sei e puoi tutto, capisci che sei essenza del tutto, capisci chi sei e cosa vuoi, capisci da dove vieni dove devi andare e ti senti impazzire come me in questo CAZZO DI MOMENTO.

Gesù cita spesso la Fede spiegando che, l’avere fede,è il mezzo per raggiungere il Regno dei Cieli intendendo forse con questo il Risveglio, la Consapevolezza, l’Illuminazione.
Fede, preghiera e perdono
(vedi Matteo 6,14-15; 21,20-22; Luca 17,5-6)

Il mattino dopo, passando ancora vicino a quella pianta di fichi, videro che era diventata secca fino alle radici.Pietro si ricordò del giorno prima e disse a Gesù:
– Maestro, guarda! Quell’albero che tu hai maledettoè tutto secco!
Allora Gesù rispose:
– Abbiate fede in Dio!Io vi assicuro che uno potrebbe anche dire a questa montagna: Sollevati e buttati nel mare! Se nel suo cuore egli non ha dubbi, ma crede che accadrà quel che dice, state certi che gli accadrà veramente. Perciò vi dico: tutto quello che domanderete nella preghiera, abbiate fiducia di ottenerlo e vi sarà dato.
E quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate: perchè anche Dio vostro Padre che è in cielo perdoni a voi i vostri peccati.

Credo che il Vangelo sia l’esatta spiegazione della Legge di Attrazione e non solo,
se lo rileggessimo nella sua vera chiave, eliminando i concetti che ci hanno inculcato e, cioè, si tratti sempre di metafore, ma lo interpretassimo paro paro con le parole che usava Gesù, non avremmo bisogno di leggere nessun altro libro sulla Legge e non avremmo bisogno di ulteriori spiegazioni.
Gesù ci ha spiegato in infiniti modi a cosa serve e come applicare la Legge di Attrazione nella nostra vita, purtroppo il vero significato di tutto questo lavoro ci è stato trasmesso volutamente il più delle volte distorto.

Come fare ad avere fede

Perciò vi dico: tutto quello che domanderete nella preghiera,
abbiate fede di ottenerlo e vi sarà dato.
(Mc. 11,22-24)

Questo è il sistema ma la difficoltà è nascosta, non possiamo ingannare noi stessi. La Legge funziona solo quando, appunto, abbiamo Fede, quando crediamo veramente, quando abbiamo fiducia senza riserve e condizioni e, se questo non accade, ecco che arriva lo Stop al processo di manifestazione. Quello in cui crediamo veramente, scolpito nel nostro inconscio, deriva dalle esperienze di tutte le vite, come potremmo fare, quindi, a credere veramente in quello che chiediamo nelle nostre preghiere?
Ripulendo, ripulendo tutte le nostre credenze, eliminandole e sostituendole con credenze nuove e potenzianti poi, a questo punto, potremo iniziare a chiedere all’Universo i nostri desideri applicando, a tutto questo, la cosa fondamentale, l’additivo principale per il permettere della manifestazione: le Emozioni.

Facciamo in modo di vedere la preghiera non come una richiesta ma come un ringraziamento. Vediamo il nostro desiderio come già ottenuto, come già nostro quindi…¦ringraziamo, ringraziamo sentitamente, con calore, con trasporto ringraziamo con tutto il Cuore.
Quando ringraziamo in genere? Semplicemente quando abbiamo avuto o ottenuto qualcosa. Questa è la tecnica per avere Fede, comportarsi come se avessimo già avuto la cosa che vogliamo
quindi non chiediamo di averla, ma nella nostra mente installiamo il nuovo pensiero di ringraziare per averla ottenuta.

 

 

Perchè bisogna avere fede?

La Legge di Attrazione è sempre all’opera, SEMPRE. Anche ora stiamo inviando chiedendo in modo inconscio all’Universo e, l’Universo, risponde, sempre.

La Legge è una legge fisica, possiamo considerarla come la legge di gravità. potremmo dubitare che un oggetto lanciato in aria ricada in terra?
Se non dubitiamo di questa legge fisica, non dovremmo dubitare neanche della Legge di Attrazione, sono semplicemente Leggi fisiche che governano questo pianeta e le nostre vite.

La Legge Di Attrazione, in comunione con le regole della fisica dei Quanti, afferma che ogni preghiera, ogni dichiarazione ed in genere ogni pensiero è fatto di Energia, e si trova in un Tutto composto di Energia. I nostri pensieri sono Energia nell’Energia, i nostri pensieri sono creativi e noi siamo Co Creatori della nostra vita.
la cosa che varia nell’ottenimento delle nostre richieste sono i tempi, tanto più abbiamo Fede e mettiamo Emozioni nei nostri ringraziamenti, tanto prima il nostro desiderio si manifesterà  nella nostra vita. Tanta più Energia usiamo, tanto prima otterremo il nostro desiderio.

Cosa dobbiamo fare in poche parole? AVERE FEDE

 

PERDONO

Pietro un giorno chiese a Gesù: “Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?

Gesù gli rispose: “Non ti dico fino a sette volte, ma sino a settanta volte sette”.

Questa risposta, probabilmente, mira a descrivere l’infinito, non dà una regola o un numero di volte in cui possiamo perdonare anche alla stessa persona, ma indica che il Perdono è sempre possibile, tutta la nostra forza, tutta la nostra potenza in questo atto, è nell’atto di perdonare.

Tendiamo generalmente a non concedere il perdono, siamo spesso convinti che, nel ricevere un torto, la persona che lo ha causato debba soffrire per questo e, di conseguenza, non le debba essere inviato nessun aiuto, tantomeno il perdono.
Non capiamo,purtroppo, con questo atteggiamento, non la facciamo pagare alla persona che ci ha procurato il torto ma a noi stessi. Siamo tutti connessi, siamo tutti una unica cosa proveniente da una Unica Matrice Divina, come possiamo pensare di causare sofferenza ad un’altra persona, senza causarla anche a noi stessi? Ci ingabbiamo all’interno di una prigione virtuale, insieme al nostro nemico, siamo legati fino a che non capiamo scegliamo e decidiamo di lasciar andare, di perdonare.

 

Il Perdono da altra prospettiva
Perchè per…donare?

Il mondo e la realtà che vediamo o crediamo di vedere è una proiezione del nostro essere.

Viviamo all’interno di una sfera le cui pareti interne sono specchiate, ovunque poggiamo il nostro sguardo vediamo un aspetto ed un “pezzo” di noi stessi.
Tutte le persone che incontriamo sono solo nostre proiezioni, create per permetterci di elevare i nostri standard nel percorso evolutivo in questa vita.
Diciamo che: il nostro prossimo rappresenta un pezzo di noi stessi, siamo tutti parte di un unico Uno, senza alcuna reale separazione, siamo tutti Uno.
Quando decidiamo di portare odio e rancore verso un nostro fratello o sorella, inviamo all’Universo un messaggio di odio e rancore e, quindi, focalizzando i nostri pensieri su questi sentimenti, sempre secondo la Legge di Attrazione, cosa stiamo attraendo nella nostra vita? Ma non basta, fino a che rimaniamo ancorati all’altra persona con sentimenti negativi, dimostriamo all’Universo che non abbiamo capito i motivi della lezione, quindi ci arriveranno altre persone simili che ci faranno torti simili, fino a che non avremo imparato la lezione, in questa in altre vite, fino a che non dimostreremo all’Universo che la lezione che l’abbiamo imparata, che l’altra persona era venuta ad insegnarci e noi abbiamo capito. Teniamo sempre presente che queste persone sono sempre state evocate da noi, sempre noi le abbiamo, in qualche modo, attratte.
La buona notizia? Non possiamo decidere se imparare o meno questa lezione, ma solo quando vogliamo impararla perchè, comunque sia, in questa o in altre vite, la impareremo. Funziona esattamente così.
Non vogliamo capire la lezione? Bene l’Universo ci invierà sempre le stesse persone, che si comporteranno nello stesso modo ancora e ancora e ancora e ancora fino a che non avremo capito la lezione in oggetto e saremo pronti per il prossimo gradino evolutivo.
La nostra anima è eterna, il nostro Spirito è eterno e l’Universo ha tutto il tempo che serve per insegnarci una lezione. Il nostro libero arbitrio ci permette ogni volta di imparare o meno quella lezione, ma sarà nostro destino impararla e la impareremo.

Perdoniamo il prossimo perdonando noi stessi

GRATITUDINE

ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici: “Non ho niente”
ti sembra niente il sole
la vita, l’amore.
Meraviglioso, il bene di una donna
che ama solo te, meraviglioso
la luce di un mattino
l’abbraccio di un amico
il viso di un bambino, meraviglioso.

Ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici non ho niente
ti sembra niente il sole
la vita, l’amore, meraviglioso.

testo Riccardo Pazzaglia, interprete Domenico Modugno

Gratitudine verso chi? Verso cosa? Verso le persone che abbiamo vicino? Verso le cose che abbiamo? A chi ed a cosa dobbiamo essere grati?

Semplice a TUTTO.

Passiamo spesso la vita a lamentarci di ciò che non abbiamo e che vorremmo avere, passiamo la vita a vedere cosa hanno gli altri e che noi non abbiamo, passiamo spesso la vita a pensare che molti hanno tanto che non meritano e, noi che meritiamo, non abbiamo nulla.

Potremmo avere quello che vogliamo ma, condizione necessaria, dobbiamo apprezzare prima quello che abbiamo. Pensiamo di non avere nulla, proviamo a pensare quante persone ucciderebbero per avere anche solo una cosa di ciò che abbiamo ma che diamo per scontato di avere e, quindi, non l’apprezziamo. Abbiamo una casa, un lavoro, la salute, una famiglia, dei figli, abbiamo tutti i componenti del nostro corpo, sembra tutto normale ma se perdessimo un braccio una gamba o altro? Quanto capiremmo che dovevamo essere grati di avere tutti gli arti? Abbiamo i genitori, uno stipendio una mente dei mobili degli amici dei parenti facciamo viaggi una macchina un ufficio e quante cose hai e VAFFANCULO.

QUANTO ANCORA PENSI DI CONTINUARE A LAMENTARTI PER CIO’ CHE NON HAI, DIMENTICANDO TUTTO QUELLO CHE HAI?????????????????????

Tutto ciò che ci accade, positivo o negativo, tutte le persone che entrano nella nostra vita, tutto viene creato da noi stessi per permetterci di osservare il problema che è dentro di noi, e darci quindi la possibilitàdi risolverlo.
Ogni persona che entra nella nostra vita, l’abbiamo comunque attirata noi, recita una parte che ci è funzionale per capire una lezione, queste persone, tutte le persone sono comparse evocate da noi per crescere sul piano Spirituale, a tutte queste persone dobbiamo essere grati e dire grazie per recitare nel nostro film chiamato vita.

Il segreto? AMA

Siamo Creature fantastiche potenti ed abbiamo una componente Divina. Siamo contemporaneamente parte e figli della Divinità, possiamo avere ed essere esattamente quello che vogliamo, dobbiamo solo chiedere ma, prima, ricordarci come si fa a chiedere e, poi, rivolgerci sempre la stessa domanda:

A CHI STIAMO CHIEDENDO????????

Buon viaggio viaggiatori, grazie di esserci