image7

Reiki

La parola Reiki deriva dal giapponese ed è composta da due parti:

REI     dove vediamo l’aspetto Divino, Universale e illimitato di tale energia

KI       dove vediamo l’Energia presente in tutto ciò che è vivente.

Il Ki è Energia, anche se chiamata in maniera diversa ad es. “Mana” dai Kahuna, “Chi” dai Cinesi, “Prana” dagli Indù ecc.

L’energia Reiki fluisce dove c’è bisogno e nella quantità necessaria; può completare e completa altri tipi di terapie rendendole più efficaci e, spesso, velocizza un processo di guarigione sia fisico che mentale, considerando sempre che corpo e mente sono strettamente correlati..

Reiki è trasmissione di energia e NON è una religione, non è creato, attuato, diffuso o associato ad alcuna religione o ideologia e può essere trasmesso a chiunque al di là di qualsiasi credenza religiosa.

Reiki è semplicemente Amore.

Reiki è l’energia della forza vitale universale.

 

Come funziona REIKI

Reiki è un metodo di guarigione. Reiki accelera il processo di guarigione sia mentale sia fisico, è una tecnica totalmente naturale, proviene dal Giappone e si basa sull’imposizione delle mani. Tramite queste, l’operatore canalizza l’Energia dell’Universo direttamente al ricevente. Non tutti possono trasmettere Reiki, in quanto, per poterlo trasmettere, l’operatore utilizza dei canali di Energia che devono essere attivati e, questo, avviene nel primo livello di Reiki, attraverso una cerimonia di iniziazione tra il Reiki Master e l’allievo. Nel Reiki esistono 3 livelli (alcune scuole e/o Master Reiki ne prevedono un quarto dedicato esclusivamente all’acquisizione del titolo di Master Reiki) dove, nel terzo, oltre a nuove tecniche potenzianti, si prende anche il titolo di Master che prevede la possibilità, oltre che di trasmetterlo, anche di insegnarlo.
Il suo fondatore Mikao Usui venne a conoscenza, su Ispirazione, del metodo Reiki di cura naturale nel 1922,in seguito a 21 giorni di meditazione e digiuno eseguiti sul monte Kuri Yama, situato fuori Kyoto (l’antica capitale del Giappone). Ricevette l’illuminazione ricevendo come dono dalla Divinità, l’abilità di ripristinare la salute attraverso la semplice imposizione delle mani.

La parola Reiki è formata, come dicevamo prima, da 2 fonogrammi: Rei e Ki.

Rei è l’aspetto Universale ed illimitato dell’Energia, rappresenta l’inspiegabile, qualcosa di misterioso, la causa e l’effetto che si cela dietro la creazione, quella frequenza vibrazionale che conosciamo come Energia Divina o Fonte o Matrix Divina o, in qualsiasi modo vogliamo chiamarla ma parliamo sempre di…Dio.

Ki è la Forza Vita presente in tutto ciò che è vivente, costituisce la forza motrice che attraverso la sua Energia Onnipresente mantiene in vita, unisce ed assembla tutto il creato, tradotta in linguaggio occidentale con il termine di: Energia vitale universale. Forse il termine più appropriato sarebbe: Soffi. (il soffio della vita inteso in tutte le sue manifestazioni).

Il principio del Reiki è molto semplice, l’operatore Reiki canalizza l’Energia dell’Universo attraverso dei plessi energetici chiamati Chakra situati lungo la colonna vertebrale e in diverse parti del proprio corpo, donandola e trasmettendola immediatamente al ricevente attraverso l’imposizione delle mani, senza alcun rischio per se stessi e per gli altri, come nel caso di altre tecniche.

L’operatore Reiki ha la possibilità di lavorare ininterrottamente per quanto tempo lo desideri trattando più persone consecutivamente senza esaurire l’Energia da trasmettere, potenziando sempre, aumentando i trattamenti, la personale capacità di guarigione attraverso la pratica regolare. Questo avviene in quanto l’operatore Reiki non attinge ad una propria Fonte Energetica, l’operatore si collega alla Matrix primordiale dell’Energia trasformando il suo corpo in un canale di scorrimento continuo tra l’Io e la Divinità, questo grazie ad un processo di armonizzazione che inizia nel seminario di primo livello, dove l’operatore viene “iniziato” alla trasmissione di Energia tramite una attivazione dei canali che tutti abbiamo ma, non essendo mai stati utilizzati dalla nascita sono ostruiti. In questo modo si crea la possibilità capacità di attingere energia da una riserva inesauribile, dalla Matrix Divina.
L’Energia trasmessa attiva ed accelera un processo di guarigione che permette l’eliminazione delle tossine e a tutti i livelli: fisico, mentale e spirituale, questo avviene sia da parte di chi lo trasmette sia da chi lo riceve. Là dove sono presenti delle cellule vecchie, stanche e malate, provvede all’eliminazione di queste attraverso il sudore, le feci e le urine e tutti i metodi utilizzati dal corpo per espellere il superfluo e le tossine. Quando invece entra in contatto con delle cellule che possono essere ancora sanate, provvede a rigenerarle, idratandole e fornendo nuova Energia.

Reiki opera a livello fisico, mentale e Spirituale: laddove trova schemi mentali che ci impediscono di vivere l’esperienza umana nella totalità delle nostre capacità, trasforma le attitudini mentali limitanti in punti di forza attraverso un espansione di coscienza personale e, questa, attiva la riscoperta dell’essere per mezzo di una presa di posizione da parte dei nostri limiti che, comunque, siamo sempre noi a darci. Reiki annulla qualsiasi credenza limitante, elimina i giudizi, trasmette Amore e comprensione, dona equilibrio ed armonia, regalandoci una centratura che ci consente di vivere giorni sereni, in equilibrio ed armonia con noi stessi e, di conseguenza, con l’Universo. L’esperienza di ogni vita umana è caratterizzata da un alternanza di sentimenti e stati d’animo come Amore e odio, paura e coraggio, felicità e tristezza, gioia e dolore. Questa oscillazione tra ogni dualità è causa di enorme criticità e sofferenza all’interno della nostra realtà e, questa, si manifesterà tramite disturbi fisici, psicologici e situazioni poco piacevoli.
Reiki mira a ri-armonizzare questa situazione di sofferenza dell’essere umano portando equilibrio a tutti i livelli, donando alla persona il reale gioiello della vita, per mezzo della comprensione di se stessi e nel potenziamento delle doti e capacità personali. Ci sono state infinite situazioni in cui, molte persone, dopo avere iniziato a lavorare seriamente e costantemente su se stesse con Reiki, abbiano ridotto notevolmente l’utilizzo di alcool, tabacco e farmaci. Altre hanno riscoperto capacità e potenzialità personali rimaste latenti o dimenticate fino ad allora nella loro vita. Altre ancora si sono accorte che la loro vita era in totale contrapposizione con la loro natura, trovando quindi forza per cambiare direzione prima di un ulteriore peggioramento della loro vita.

Per dirlo con parole semplici, Reiki prende la nostra vita e ce la propone sotto la luce di una coscienza e di una consapevolezza maggiore.

A noi la scelta se continuarla con le modalità in essere o se modificarla. Questo inizialmente potrebbe essere destabilizzante, consideriamo tuttavia che se vogliamo pulire una stanza, dobbiamo togliere tutti gli oggetti, pulire, sistemare e successivamente rimetterli al loro posto. Stesso discorso per la nostra vita, se ci piace così com’è va bene, altrimenti dobbiamo sostituire quello che non ci piace, memorie, credenze limitanti, abitudini e così via. Se vogliamo utilizzare Reiki per lavorare su noi stessi consideriamo che Reiki, oltre a farci riscoprire la bellezza della nostra natura porterà anche a galla i nostri lati oscuri. Come per la stanza, prima togliamo gli oggetti puliamo e poi li risistemiamo. Nella fase iniziale Reiki potrebbe tirar fuori solo i problemi, le cose negative, i dolori ma, Reiki, ci fornisce anche la soluzione per risolverli. Potrebbe anche succedere che, nella fase iniziale, dopo i primi trattamenti il ricevente torni a casa con febbre, tosse, mal di gola, starnuti a ripetizione ed altro. Si tratta di una situazione normale, in quanto quando acceleri i processi di guarigione le tossine, presenti nel nostro corpo e nella nostra mente debbono essere espulsi, si tratta di un normale processo di pulizia, prima si toglie il vecchio limitante poi si sostituisce con il nuovo potenziante, tranquilli parliamo solo di qualche ora. Quando Reiki risolve un problema in genere, questo, non si ripresenterà mai più.

Principi dell’imperatore Meiji da interiorizzare, da recitare al mattino ed alla sera:

Solo per oggi non mi arrabbio.

Solo per oggi non mi preoccupo.

Sono pieno di gratitudine.

Svolgo il mio lavoro con dedizione.

Sono gentile con le persone.

Roberto

Roberto Pompei è operatore olistico, trainer e formatore. Da anni si dedica allo studio dell’ Energia, della Consapevolezza e della coscienza per crescere nella formazione e nella sua evoluzione personale.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 × 1 =